Cosa vedere a Chiang Rai

Pin It

Cosa vedere a Chiang Rai

I templi sono le principali attrattive della città. Molto bello è il Wat Phra Sing (in Singhakhlai): raffinato esempio dell’architettura religiosa di Lanna ospitava la famosa statuetta di Phra Phuttha Sihing (oggi a Chiang Mai).  Dietro il Wat Phra Sing, sorge il Wat Phra Kaeo, famoso, oltre che per la sua pregevole sala con statue del Buddha in bronzo, per aver fatto da sfondo alla scoperta del Budda di Smeraldo (ospitato a Bangkok).

Sulla montagna si trova il Wat Phrathat Doi Chom Thong, costruito ancora prima della fondazione della città. Da qui si può godere di un’incredibile vista panoramica sulla città. L’edificio più famoso della città è però il Wat Rong Khun (il Tempio Bianco). Di recente costruzione, questo edificio si sviluppa su un laghetto artificiale, sito appena fuori dal centro ed è una delle principali opere dell’artista visionario Chalermchai Kositpipat. Tempio sia buddista che induista è completamente realizzato in stucco bianco e vetro a specchio (che, riflettendo il sole, crea suggestivi giochi di luce). L’opera, scenografica, è però ancora incompiuta; difficile dire quando i cantieri si chiuderanno poiché il terremoto del 2014 l’ha danneggiato gravemente.

Nei pressi del mercato di Den Ha (all’ 81/1, Military Front Road | Robwiang), è possibile visitare l’Oub Kham Museum con la sua preziosa raccolta di manufatti, gioielli, sculture e tessuti relativi al Regno di Lanna.

Altro polo espositivo molto interessante è il Museo Baandum (Casa nera- Baan Si Dum). Si tratta di un’immensa, e surreale, opera d’architettura ed arte che riprende diversi elementi della cultura Lanna. Capolavoro dell’artista locale Thawan Duchanee, vede protagonisti Legno tek ed originali, ed un po’ inquietanti collezioni di ossa e pelli d’animali.

Nei dintorni della città, si può godere di una natura incontaminata e suggestiva – oltre al parco forestale di Namtok Khun Kon, con la sua scenografica cascata, si può scoprire la lussureggiante montagna di Doi Mae Salong e bellissimi sono i sentieri lungo il fiume Kok che attraversano tribù e parchi di elefanti.

Risalendo la provincia di Chiang Rai, s’incontra Mae Sai, cittadina di frontiera che si affaccia sul Myanmar, raggiungibile attraversando il fiume di Mae Sai. Il centro è famoso per i suoi negozi artigiani ed i suoi mercati.

Nei pressi di Mae Sai meritano una visita il Khun Nam Nang Non, “il lago della fanciulla addormentata” e le suggestive grotte di Tham Pum-Tham Pla e di Tham Pla Chom.

Scegli cosa fare a Chiang Rai